Termometro di tenuta

COME AFFRONTARE LA STAGIONE INFLUENZALE

3 Dicembre 2021

Con l’inizio del periodo invernale si propaga di nuovo l’influenza. Il freddo indebolisce il nostro sistema immunitario per cui i virus hanno gioco facile. A diffondere le malattie infettive delle vie respiratorie sono i virus dell’influenza. L’infezione si trasmette attraverso le goccioline disperse nell’aria dagli starnuti, dalla tosse e dal parlare, che vengono inalate attraverso la respirazione. Un contagio indiretto è possibile anche dalle superfici che sono state toccate da una persona già infettata (ad esempio la maniglia di una porta).

Spesso confusa con un raffreddamento

Un’apparizione improvvisa con forte febbre (oltre 38 °C) accompagnata da brividi di freddo, raffreddore, tosse, male di gola e male di testa, capogiri o dolori alle giunture e ai muscoli sono sintomi tipici di una infezione influenzale. L’influenza si distingue da un comune raffreddamento per il suo inizio improvviso e per i sintomi più acuti.

Come proteggere se stessi e gli altri

Il metodo più efficace è la vaccinazione annuale. Inoltre si raccomanda di lavarsi regolarmente le mani. Per proteggere dal contagio le persone che stanno attorno a voi, dovete aver cura di starnutire e tossire tenendo un fazzoletto di carta davanti alla bocca e al naso. Se non disponete di un fazzoletto di carta, cercate di tossire nella piega del braccio.

Alcuni consigli per prevenire l’influenza

Ci sono alcune semplici azioni che aiutano a prevenire la diffusione di malattie infettive in generale, e quelle che si trasmettono per via aerea come l’influenza.

  • Lavare spesso le mani con acqua e sapone, e in particolare dopo avere tossito e starnutito, o dopo avere frequentato luoghi e mezzi di trasporto pubblici; se acqua e sapone non sono disponibili, è possibile usare in alternativa soluzioni detergenti a base di alcol.

  • Coprire naso e bocca con un fazzoletto (possibilmente di carta) quando si tossisce e starnutisce e gettare immediatamente il fazzoletto usato nella spazzatura o nella biancheria da lavare.

  • Evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non lavate; i germi, e non soltanto quelli dell’influenza, si diffondono in questo modo.

  • Rimanere a casa se malati, evitando di intraprendere viaggi e di recarvi al lavoro o a scuola, in modo da limitare contatti possibilmente infettanti con altre persone, nonché ridurre il rischio di complicazioni e infezioni concomitanti (superinfezioni) da parte di altri batteri o virus. Sebbene un gesto semplice ed economico, come il lavarsi spesso le mani, in particolare dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito, sia sottovalutato, esso rappresenta sicuramente l’intervento preventivo di prima scelta, ed è pratica riconosciuta, dall’Organizzazione mondiale della sanità, tra le più efficaci per il controllo della diffusione delle infezioni anche negli ospedali.

Oltre a queste regole igieniche, è possibile prevenire l’influenza anche mediante la somministrazione di vaccini specifici antinfluenzali; sono disponibili anche farmaci antivirali dotati di azione specifica contro i virus influenzali; il loro impiego a scopo preventivo è riservato a situazioni particolari, ovvero in soggetti in cui l’influenza rappresenta un alto rischio ma non è possibile utilizzare il vaccino a causa di controindicazioni.