subiaco-fsh-aniasi-fertilità.png

COS’È L’FSH O ORMONE DELLA FERTILITÀ E COME SI MISURA

14 Luglio 2021

L‘FSH o ormone follicolo-stimolante è uno degli ormoni coinvolti nella riproduzione. Gli ormoni sono messaggeri chimici prodotti dal nostro organismo e trasportati negli organi bersaglio attraverso il sistema circolatorio.
La ghiandola pituitaria, che si trova nella parte inferiore del cervello, produce l’FSH e lo rilascia nel sangue.
L’FSH viene prodotto sia dagli uomini che dalle donne e, in particolare, interviene nei processi di ovulazione e di formazione dello sperma. Nei bambini, l’FSH è importante per lo sviluppo sessuale.
Squilibri dell’FSH, in eccesso o in difetto, possono rendere difficoltoso il concepimento, ecco perché spesso l’FSH è chiamato l’ormone della fertilità.

Il test dell’FSH: perché si fa?

Il test FSH t misura la quantità dell’ormone follicolo-stimolante presente nel sangue o nelle urine. Effettuare il test potrebbe essere necessario per valutare se la ghiandola pituitaria funziona correttamente.
Il medico potrebbe prescriverlo nei seguenti casi:
– problemi nel concepimento
– cicli mestruali irregolari o assenti
– menopausa
– basso numero di spermatozoi
– pubertà precoce o tardiva; si effettua questo test per escludere la presenza di altre patologie che riguardano l’ipotalamo (area del cervello che controlla la ghiandola pituitaria), l’ipofisi stessa, le – ovaie, i testicoli o altre parti del corpo
– patologie dell’ipofisi e dell’ipotalamo

In cosa consiste il test dell’FSH?

Il test dell’FSH consiste in un esame del sangue: si effettua un prelievo di una piccola quantità di sangue da una vena del braccio, e  un test delle urine nelle 24 ore, in cui viene analizzato un campione di pipì prodotta durante l’arco di 24 ore, in modo da monitorare il livello di FSH e i suoi cambiamenti nel corso dell’intera giornata.

Cosa significa il risultato del test dell’FSH?

Il risultato del test è rappresentato da valori numerici che misurano l’FSH in quelle che vengono chiamate “unità internazionali per millilitro” (IU / ml). L’intervallo che indica il buono stato di salute varia a seconda del sesso, dell’età e delle condizioni fisiche e, per le donne, se hanno ancora il ciclo mestruale o se sono in menopausa).

Quali altri esami si possono associare al test dell’FSH?

Il medico potrebbe anche prescrivere un esame del sangue che misuri i livelli di un altro ormone pituitario, chiamato ormone luteinizzante (LH) (questo ormone è altrettanto importante per il normale funzionamento dei testicoli o delle ovaie) oppure potrebbe voler valutare altri livelli ormonali, come quelli della PROLATTINA, PROGESTERONE, 17 BETA ESTRADIOLO.

La valutazione di alcuni di questi ormoni è importante, non solo per capire se il mancato concepimento è dovuto, del tutto o in parte, a un’inadeguata secrezione ormonale, ma anche per personalizzare futuri trattamenti che abbiano l’obiettivo di ovviare alle carenze.

Clicca qui per maggiori informazioni sull’esame della fertilità